Perché hai scritto un racconto per un’antologia di beneficenza?

La domanda miei cari è pertinente e lecita! Molti avrebbero rinunciato o si sarebbero dedicati ad altro, visto che il guadagno è nullo. Io no!

Vi racconto come è andata. Ero con la stesura di Strenne & Cannelle, in agosto e con la modifica del primo volume ripreso dal lontano 2015 Spezie & Desideri, avevo un groviglio di progetti sotto mano, come mio solito. Asia, una carissima amica blogger, però, un giorno mi ha proposto questa idea e io da subito l’ho appoggiata (come mio solito, poi nessuno appoggia me ma questa è un’altra storia). In primis l’antologia sarebbe dovuta nascere  in self e apportare un contributo sostanziale alla ricerca. Cioè tutto il ricavato sarebbe stato donato all’AIRC per la prevenzione e ricerca contro il cancro. In un secondo momento, però, la casa Editrice Darcy Edizioni si è presa in carico questa pubblicazione, con lo stesso scopo e intento, accettando di buon grado il progetto ed è così che è nata questa meravigliosa antologia. Non li ringrazierò mai abbastanza per aver creduto in noi e in questi racconti che donano un battito in più a chi l’ha perso.

Ma andiamo a vedere di cosa parla il mio racconto…

53435191_291094974918423_8374479065129680896_n.jpg

Così è nato il Sentiero delle Lucciole, così è nata Melanie e la sua storia. Melanie è una psicologa, ama Parigi ed è sempre stata il suo sogno ma con la notizia della morte del padre è costretta a ritornare nella sua cittadina natale, dove ha amari ricordi. Melanie sarà costretta  a scontrarsi con il presente e tutto ciò che aveva di più caro. Le lucciole saranno la sua guida…

Una storia che è nata di getto e ha come cardine la malattia della mamma di Melanie. Il suo passato che ritorna a galla e la fa soffrire, riportando in superficie vecchie ferite, perchè la malattia non è altro che un mostro che ti strappa via, ciò che di più caro hai.

Un dolce racconto ma che ha in sè quel pizzico di magia che non manca mai nelle mie storie. Perchè una cosa mi sono ripromessa di fare, di scrivere storie che diano emozioni uniche, che sprigionino magia e luce. Storie che fanno stare bene, nonostante tutte le battaglie che la vita ci riserva. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...