Un pupazzo di neve e una chiave.

Miss Anabelle Prudence Book affondava nella neve, soffice come spugna.

Aveva nevicato tutta la notte e quella mattina si era alzata presto per poter fare una passeggiata. Il suo umore era malinconico e pensieroso. Qualcosa la turbava, forse l’assenza di Mr Alexander Turner, che ormai mancava da giorni. Era andato a Borringhton per svolgere alcune questioni di famiglia.

Osservò il paesaggio dinanzi a sè, un piccolo sentiero che si inoltrava nel bosco. Rovi e alberi si mescolavano, formando un piccolo arco. Red, il pettirosso della zia, arrivò in volo, cinguettò e volò su un ramo, osservandola.

<Cosa ci fai qui?> sussurrò Prudence, la sua voce riecheggiò nell’aria umida. Un piccolo cumulo di neve cadde da un ramo. Red becchettò una bacca rossa. Prudence continuò il suo cammino, emise un leggero sbuffò che formò una piccola nuvoletta bianca dinanzi a sè.

Quella mattina aveva indossato indumenti caldi e comodi: un vestito che andava ad affinare la vita, lungo fino ai piedi, leggermente svasato, e degli stivaletti consunti. Al di sopra una mantella a quadri, di lana. I lunghi capelli erano raccolti in una crocchia morbida. Alle mani dei guanti a mezze dita, ricamati. Spostò lo sguardo su una sagoma alta di neve e sorrise. Si fermò a riflettere.

Prese una piccola palla di neve e la depositò sulla sagoma che le arrivava a metà busto. Una palla tonda abbastanza grande. Red svolazzò sulla piccola palla di neve tonda e lasciò cadere due bacche rosse.

Prudence rise di gusto. Tolse un nastrino dall’abito e formò un sorriso, due rametti a formare le braccia. Ora sembrava davvero un piccolo gnomo di neve. Gli occhi si illuminarono.

Si spostò per cercare delle ghiande per creare i bottoni ma ai piedi di un albero vide qualcosa luccicare. Si avvicinò e si chinò. Era una chiave dorata, piccola e con una forma strana. La prese fra le dita e la osservò.

Pubblicato da Jane Rose Caruso

Mi piace fare tante cose, chi mi conosce lo sa. Mi fa sentire viva, allegra e felice. Amo alla follia essere impegnata a 360* come la terra, come la vita, che deve essere vissuta oltre ogni cosa. Mi piace correre, ridere e parlare. Immergermi in milioni di fogli, annusare i progetti che arrivano e far volare le idee. Far ridere chi sta con me e alleggerire i pensieri. #Wonderful E se qualcuno mi chiede se voglio fare qualcosa è un pò come se mi chiedesse ‘Vuoi vivere?’💓

One thought on “Un pupazzo di neve e una chiave.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: